Andar per librerie, Essere librai

Librai, unitevi

large

Sempre più spesso cerco librai con cui fare due chiacchiere, in questi mesi ne ho incontrati tanti e ho scoperto persone meravigliose, creative, che aprono la libreria a chi voglia farne un luogo d’incontro, sono scrigni di libri bellissimi che non abbiamo ancora letto. E così ho capito che, a parte i problemi relativi all’affitto, agli sfratti e al calo delle vendite, a volte si aggiunge la difficoltà di non riuscire a fare rete.

«Conosco i librai della città, ci riuniamo, ma non riusciamo a fare rete tra noi, è come se ognuno rimanesse arroccato nella propria libreria», mi racconta una libraia catanese. E io penso alla Lim, cui si sono associati i librai indipendenti milanesi, penso ai librai sardi, come Patrizio Zurru e Aldo Addis, che hanno capito che bisogna lavorare di concerto con tutti quelli che fanno parte della filiera del libro.

A una libraia romana chiedo cosa ne pensa della possibilità di fondare un’associazione delle librerie romane, che valorizzi l’individualità di ognuna e che dia visibilità agli eventi organizzati nelle librerie associate. Mi risponde che sarebbe molto bello ma che non sa chi potrebbe farlo, perché non riesce a fare rete con i librai della sua città, anche se ogni esercizio lavora col suo quartiere e Roma di quartieri ne ha tanti, spesso distanti fra loro. «Siamo talmente distanti alle volte che non potremmo nuocerci a vicenda, eppure non riesco a collaborare con loro».

La crisi si è fatta sentire dovunque, molte librerie storiche hanno chiuso e di certo questo avrà influito su chi svolge un mestiere molto difficile, soprattutto in questi anni. A cosa può essere dovuta questa difficoltà, oltre che alla crisi? Quali sono le cause?

«Abbiamo cominciato a organizzare eventi, siamo disposti a cambiare», mi dice questa libraia, ha capito che il suo mestiere deve andare oltre quello che è sempre stato e lei lo fa da vent’anni.

Penso sia questa la nuova sfida per i librai, come se non bastassero quelle che affrontano quotidianamente. Cari venditori di libri, state insieme, soprattutto adesso. Trovate il modo di unire le forze.

Mi torna in mente una poesia che a prima vista potrebbe sembrare che parli di tutt’altro, si chiama Keeping Christmas, di Henry Van Dyke, su come far sì che sia Natale ogni giorno. Il segreto è la solidarietà tra gli uomini e l’ultimo verso dice:

But you can never keep it alone.

Lasciando perdere la questione del Natale, il senso è:

E se puoi fare degli straordinari gesti di solidarietà per un solo giorno, perché non per sempre?
Ma non ci riuscirai mai se ci provi da solo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...